È incominciato a Torino il maxi processo per le manifestazioni del dicembre 2013, quando scesero in piazza i Forconi. Dopo sei anni quarantacinque imputati dovranno rispondere, per quanto riguarda questo filone del procedimento, di interruzione di pubblico servizio e violenza privata.

L’accusa si riferisce quanto accaduto per tre giorni a Pinerolo, dove i Forconi organizzarono dei blocchi stradali. Il primo testimone ascoltato dai giudici, un automobilista, ha però precisato che i manifestanti non gli fecero perdere più di cinque minuti, un ritardo dunque marginale e che non gravi conseguenze visto che stava tornando a casa dal lavoro.

Va ricordato che nel primo giorno di protesta, il 5 dicembre, a Torino ci furono violenti scontri in piazza Castello, davanti al palazzo della Regione Piemonte.