Un progetto di “felicità civica” per Torino. A dare il via alla sperimentazione è il quartiere di San Salvario dove da lunedì 30 settembre si lavorerà per creare in 15 mesi un laboratorio permanente di felicità civica e di un modello esportabile in altre città.

Verrà individuato il primo “indice di felicità civica”per una città, attraverso uno studio della letteratura specialistica, a partire dal quale saranno definite le nuove sfide civiche su cui attivare dei servizi per vivere collettivamente meglio.

Il progetto è stato ideato e costruito da Stefano Di Polito, Alessandro Mercuri e Alberto Robiati, e vede coinvolti l’Associazione Nessuno con il centro Lombroso16, leBiblioteche Civiche Torinesi, il Polo del ‘900 e Skopìa (Università di Trento).
Ė realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito del “Bando CivICa, progetti di Cultura e Innovazione Civica”. La Compagnia sostiene iniziative volte alla sperimentazione di nuove pratiche culturali capaci di agire sull’impatto civico: migliorare la convivenza e la coesione sociale, la qualità della cittadinanza, contrastare le discriminazioni, favorire la consapevolezza sui diritti individuali, civili e sociali, disgregare le disuguaglianze nella distribuzione delle opportunità che consentano alle persone di vivere in modo attivo e rispettoso del sé e degli altri.

L’appuntamento è per lunedì 30 settembre alle 18.30 in via Lombroso 16 H. Nell’occasione verranno inaugurati i nuovi spazi del polo culturale Lombroso16: 250 mq completamente ristrutturati.