Ne siamo arcisicuri: non raccoglieremo che pochi apprezzamenti e verremo tacciati di demagogia nel contrapporci alle ola virtualmente partite per l’arrivo di Cristiano Ronaldo. Da ore agenzie di stampa e giornali on line sono in fase di martellamento con una pioggia ininterrotta di notizie che frugano in ogni dove della vita prossima futura di CR7, da dove andrà ad abitare, a quanto guadagnerà, a ciò che concederà al fisco italiano, ai vantaggi per il campionato italiano e via su questa falsariga.

E in questi peana non è voluta mancare anche nostra signora Appendino che sui social ha salutato con un gridolino di gioia l’ingaggio di Ronaldo che limerà non di poco il conto corrente della sua squadra del cuore: “Complimenti alla Juventus per il grande obiettivo raggiunto. E benvenuto, Cristiano! In effetti avevi ottimi motivi per venire a Torino”.

Frasi postate sia in italiano, sia in inglese, insieme alle immagini simbolo di Torino, Palazzo Reale, il Museo Egizio, la Mole Antonelliana e piazza Carignano.

Ottimi motivi per venire a Torino che Fca non ha evidentemente ancora maturato, se nelle stesse ore in cui si concludeva l’affare del secolo per la Juventus e per la Famiglia che le controlla entrambe, la società di automobili rimandava sine die nel confronto coi sindacati al Lingotto la data di avvio produttivo dei nuovi modelli.

Un rinvio che per migliaia di lavoratori significa rimanere nella grotta dell’incertezza, alla mercé degli ammortizzatori sociali in scadenza. Ma il loro non è un affare per pochi e dunque per niente allettante.

Chissà se la sindaca posterà anche soltanto in italiano una lieve rivendicazione.