Tramite Facebook arriva, inaspettata, la “difesa” del senatore del Partito Democratico alla consigliera del Movimento Cinque Stelle Deborah Montalbano, finita nell’occhio del ciclone per aver utilizzato l’auto blu (come testimonia il documento pubblicato da Nuova Società) per motivi personali e non istituzionali (leggi articolo).

«Con la consigliera Montalbano del M5S non prenderei neanche un caffè», esordisce Esposito nel post e aggiunge «Se quello che ha fatto lei l’avessi fatto io o un esponente del PD sicuramente avrebbe chiesto, insieme ai suoi compagni grillini, l’impiccagione immediata».

Continua il senatore Dem: «Detto questo trovo che non abbia fatto nulla di scandaloso nel chiedere di utilizzare l’auto per andare a recuperare sua figlia piccola».

«Ritengo il m5s una forza politica molto pericolosa per la convivenza civile e democratica per questo invito i miei compagni di partito a dimostrare che noi non siamo come loro e di conseguenza a non diventarlo. Non grillinizziamoci. Non diventiamo animali populisti e forcaioli. Noi abbiamo una cultura politica e democratica di cui andare fieri. Loro no. La peggiore punizione per la signora Montalbano è il nostro disinteresse e la nostra indifferenza. I torinesi giudicheranno la loro coerenza. Anzi la loro incoerenza», conclude Esposito.