«Il bisogno di sangue non va in vacanza. Donare il sangue è un gesto semplice ma prezioso, che può salvare molte vite. Per questo faccio appello alla generosità dei piemontesi, perché contribuiscano con la loro solidarietà  a garantire la continua disponibilità di sangue anche nei mesi estivi».

Questo il monito lanciato dal presidente del Consiglio regionale piemontese Stefano Allasia che, anche a seguito del recente incontro con il presidente regionale Avis, Giorgio Groppo, ha fatto proprio l’invito alla donazione di sangue che proprio d’estate, a causa delle vacanze e dello spopolamento delle città, tende a ridursi, determinando talvolta una carenza critica in molti ospedali.

«Per diffondere la cultura della donazione (di sangue, organi, tessuti e cellule) il Consiglio regionale avvierà nei prossimi mesi una campagna sociale e una serie di iniziative, con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sull’importanza di questo gesto e per favorire il ricambio generazionale dei donatori, coinvolgendo in particolare i giovani», ha aggiunto Allasia.

«La donazione è un’azione concreta verso gli altri ed è compito delle istituzioni fare informazione affinché aumenti il numero dei nuovi donatori, un modo concreto  per dare il proprio contributo alla comunità», ha concluso Allasia