Il capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale a Torino Stefano Lo Russo trolla i profili social dei consiglieri M5s. Già, la domanda è quasi sempre la stessa: “Scusa (nome del consigliere) cosa ne pensa Appendino? Hai notizie?”.

Colpita e affondata la capogruppo Valentina Sganga. Stesso destino per Serena Imbesi, già vicepresidente del Consiglio comunale. Nel mirino anche Francesco Sicari, presidente della Sala Rossa.

Il trollaggio spunta sotto i post degli esponenti pentastellati che commentano il voto sulla piattaforma Rousseau in cui gli attivisti grillini sono chiamati a decidere se correre nelle regionali in Emilia e in Calabria o prendersi una pausa elettorale. Per la cronaca, vince il no con il 70,6 per cento di voti, costringendo Luigi Di Maio a dichiarare che i 5 Stelle parteciperanno al voto da soli.

Sganga, Imbesi e Sicari sono saliti sulle barricate motivando il loro no anche con toni accesi. Con la capogruppo che invitava il suo movimento a “non lasciar soli gli elettori con la Lega e il Pd”, Imbesi che ricordava “i sacrifici della militanza” e Sicari, dimenticando di essere presidente soprattutto grazie al Movimento che addirittura parlava di vergogna.

Ma il troll Lo Russo non ha avuto pietà, commentando, appunto con delle domande, i loro post. E il quesito aveva un unico soggetto: la sindaca cosa pensa? La sindaca condivide? Qual è il punto di vista della sindaca?

Trollati dunque, ma non solo. Infatti la domanda dell’esponente Dem se la stanno ponendo in molti in queste ore. Ma Appendino dove è finita? Come mai non si è espressa? Strategia appendiniana o meno non è detto che nelle prossime ore a giochi ormai fatti arrivi la risposta al troll Lo Russo.

Una risposta allineata alla volontà della maggioranza M5s, ça va sans dire.