Sono in corso degli accertamenti in Vaticano dopo il ritrovamento, in area extraterritoriale dello Stato pontifici, di alcune ossa. Resti che riaprirebbero, secondo alcune fonti, il caso Emanuela Orlandi.

La Procura di Roma sta indagando per omicidio in relazione proprio alla scoperta avvenuta in un edificio di proprietà del Vaticano. Sono stati disposti accertamenti tecnici per individuale a chi appartengono le ossa, con verifiche di compatibilità con il Dna di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori, entrambe scomparse nel 1983. Le comparazioni si stanno concentrando sul cranio e sui denti rinvenuti nell’edificio.