di Moreno D’Angelo

«Racconto per telefono di una certa ragazza. Io dico tutto. Io ti rovino. Parliamo di Emanuela e quello che vuoi fare con lei e di altre situazioni». A parlare è l’ex convivente del supertestimone Marco Fassoni Accetti nel corso di una telefonata del 1997.
La conversazione non è mai è mai finita nei fascicoli degli atti giudiziari di questa misteriosa vicenda che si trascina dal 1983 quando sparirono la cittadina vaticana Emanuela Orlandi e Mirella Gregori.  Un mistero ancora aperto, come una ferita. 
A riaccendere l’attenzione sul caso, è la diffusione, nel corso del programma di Rai 3 “Chi l’ha visto?” della ricostruzione di una telefonata avvenuta tra Marco Fassoni Accetti (fotografo vicino ad ambienti vaticani  in contrasto con la linea anticomunista di Papa Wojtyla, a cavallo tra gli anni 70 e 80) e la sua ex convivente. La donna dall’altra parte della cornetta attacca duramente Accetti: lo minaccia più volte di fare rivelazioni sui suoi presunti rapporti con Emanuela e su altre vicende. L’ex convivente dice di sapere bene che il telefono è sotto controll. Ma è un fiume in piena.

Dopo che la ricostruzione della registrazione è andata in onda e lo stesso fotografo ad intervenire. Al telefono attacca la conduttrice di “Chi l’ha visto?” Federica Sciarelli ironizzando sulla misteriosa “fonte fiduciaria qualificata” (Questura di Roma, ndr) da cui sarebbe arrivata la trascrizione delle telefonata ricostruita. Durante la trasmissione si parla anche di un presunto coinvolgimento di Accetti nel rapimento del bambino Bruno Romano avvenuto due anni prima. Di prove parla il fotografo, mentre i toni salgono. Ricorda che è stato lui a far ritrovare il flauto, quello che sarebbe appartenuto alla Orlandi.
«Le ho portato un flauto che avrei potuto venderle» – dice Accetti alla Sciarelli.  In studio c’è anche Petro Orlandi, il fratello di Emanuela che, con le sue iniziative a tutto campo  ha raccolto la solidarietà di migliaia di persone facendo si che il caso non finisse nel dimenticatoio. Pietro ha invitato il supertestimone a rivelare finalmente la verità.

Accetti a parte continua la mobilitazione affinché il caso Orlandi non venga archiviato. Infatti la trasmissione si è conclusa con un appello della conduttrice Federica Sciarelli a mobilitarsi contro la possibile archiviazione del caso.