Maggio 2018: Casinò on line, impennata al +23,7%

Il fenomeno è tangibile e non è saggio limitarci esclusivamente a demonizzarlo. Se il gioco on line è così diffuso i motivi sono molti e leggerli solo in chiave negativa non ci aiuta a comprendere il fenomeno.

Partiamo dai fatti.

1 – Tutti i pc, i mac e gli smartphone che acquistiamo hanno installati di default diversi giochi. Per svagarsi alla gente piace giocare, è evidente, ecco perché il numero di siti presenti in rete e dedicati al gaming è, a livello globale, a dir poco corposo.
È chiaro che tra tutti i portali vanno distinti quelli legali e affidabili da quelli truffa. In questo caso è bene affidarsi a quei siti che sono in regola ed hanno ricevuto l’autorizzazione ad operare on line da parte dei Monopoli di stato offrendo giochi come slot machine senza che l’utente incorra in sorprese poco piacevoli come il furto di dati personali o peggio ancora la clonazione delle carte.

2 – Recentissima è la diffusione della gamification (traducibile in italiano come “ludicizzazione”) ovvero l’utilizzo di elementi mutuati dai giochi e delle tecniche di game design in contesti esterni ai giochi. Tecnica che è stata e sarà sempre più utilizzata nei settori dello studio e del recruitment.
Anche i creatori di app, di qualsiasi genere di app, stanno spostando la loro attenzione nel progettare un’esperienza di utilizzo (UX) sempre più vicina a quella che offre la gamification.

3 – Le nuove leggi che limitano la diffusione di sale slot stanno spostando i giocatori dall’off line, ovvero il luogo fisico dove si recavano a giocare, all’on line, i siti internet dedicati al gaming. Ecco perché l’Agimeg, Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco ha dichiarato che “A maggio volano i casinò online con una spesa in crescita del +23,7%. Poker a torneo in leggero calo, stabile il cash”. E il 23% non può certo passare come una percentuale di crescita irrisoria se pensiamo che la spesa di maggio è stata di 57,3 milioni di euro.

La gamification, i giochi installati di default sui nostri device e la migrazione verso la rete da parte dei giocatori sono tre punti su cui riflettere, tre punti dai quali partire per analizzare un po’ più in profondità il fenomeno così in crescita del gaming on line.