CasaPound correrà con una propria lista nelle prossime elezioni europee. A guidare le tartarughe frecciate verso l’Europa il segretario nazionale Simone Di Stefano. Per presentarsi servono 150 mila firme nei cinque collegi italiani.

«In questi giorni– annuncia il leader di Cpi- partiremo con la raccolta firme per correre da soli alle elezioni europee con un nostro programma e senza alleanze. Chiamiamo a raccolta i nostri iscritti e tutti gli italiani che sono stanchi di questa Unione Europea».

«Noi abbiamo chiaro quello che vogliamo: uscita dell’Italia dall’Ue e ritorno alla sovranità monetaria che erano già i primi punti del nostro programma delle elezioni politiche – aggiunge – Non ci candidiamo per cambiare l’Ue dall’interno perché è impossibile ma per affondarla perché ormai è una prigione».

«Non ci sono alternative alla raccolta firme al momento, considerando che Salvini e M5S hanno abbandonato le battaglie contro euro ed Ue e la Meloni ha fatto confluire nel suo partito perfino i Conservatori di Fitto. Sarà CasaPound- conclude Di Stefano- l’unico partito sulla scheda che dira’ con chiarezza agli italiani che l’unica soluzione è l’ExIt», conclude Di Stefano.