«Parte la sfida per costruire il futuro di Torino e io torno a rivolgermi a te. A te che ci hai voltato le spalle, a te che ti sei sentito tradito». Con un lungo post su Facebook il segretario metropolitano Pd Mimmo Carretta si rivolge, in una sorta di lettera aperta, a chi si è allontanato dal Partito Democratico in questi anni.

“Oggi come mai mi sento in dovere di rinnovare, e aggiornare, i contenuti di una lettera che scrissi un po’ di tempo fa (era il 30 agosto del 2018, alla vigilia della festa de l’Unità) a chi si sentiva, e si sente deluso dalla Sindaca Appendino, soprattutto fra i suoi (ex) elettori, e che probabilmente non vede ancora alternative credibili o, magari, si rifugia proprio in un Destra populista e violenta che sa vendere solo sogni.
Parte la sfida per costruire il futuro di Torino e io torno a rivolgermi a te. A te che ci hai voltato le spalle, a te che ti sei sentito tradito. Lo so, a questo punto è anche inutile chiedere scusa per non essere stati bravi, in passato, a trovare le soluzioni più efficaci, per non aver capito il tuo disagio, il tuo imbarazzo. Per non aver capito che stava cambiando tutto e che le tue paure, le tue incertezze avevano bisogno di ricette nuove. Ti abbiamo lasciato solo e tu da solo hai finito per crederci. Perché tu ci hai creduto davvero. Hai creduto, e forse ci credi ancora, che le cose sarebbero potute davvero cambiare in meglio, per te e per la tua Città. Eppure Torino in quattro anni ha perso tanto, ma soprattutto ha perso di credibilità, e la credibilità è la cosa più dura da recuperare. Ha perso occasioni, ha cincischiato e i problemi sono aumentati, fallimento dopo fallimento. Nessun miglioramento, nessuna prospettiva. I proclami e le promesse della Sindaca, che marciava protetta dai suoi scudieri per occupare il Palazzo, sono carta straccia, si sono dissolti.
Sono passati quattro anni, i risultati sono sotto gli occhi di tutti, ma sta a te, solo a te fare bilanci, valutare con calma le tue scelte, passate e future. Intanto noi ci siamo messi in discussione, stiamo provando a ripartire dai nostri errori, stiamo parlando con la città, per costruire un futuro, per recuperare la tua fiducia. Ma queste sono chiacchiere, ti abbiamo già tradito una volta, perché mai dovresti fidarti? Già, non fidarti, fai bene. Facciamo cosi, contattaci, partecipa liberamente ai Forum che si prepareranno per riempire di idee e progettualità il grande Spazio Aperto di discussioni che ci sarà dal 26 giugno al 12 luglio in Corso Grosseto 183. Prova ad ascoltarci, dacci almeno la possibilità di ascoltare te. Vieni, guardati attorno, al massimo avrai buttato via un po’ di tempo, ma proviamoci”.