Sulle ultime polemiche in casa Pd Piemonte interviene il segretario metropolitano Mimmo Carretta, che cerca di calmare gli animi accesi, dopo il botta e risposta tra il neo senatore Dem Mauro Laus e il presidente della Regione Sergio Chiamparino.

«È necessario ricondurre quanto prima la discussione nei luoghi deputati, ossia la Direzione Metropolitana – rimprovera Carretta – La Direzione è il luogo politico per intraprendere un confronto, un percorso che coinvolgerà tutti e che si porrà come principale obiettivo il rilancio del centrosinistra, in vista di una Conferenza Programmatica che coinvolga tutta la coalizione che si presenterà agli elettori l’anno prossimo». 

Il clamore mediatico creatosi per le dichiarazioni pubbliche, secondo il segretario Pd, non fanno certo bene al partito. «Invito dunque al senso di responsabilità, che sono certo appartiene a tutti, e ad abbassare i toni per favorire quel dialogo con la società civile che è la cifra del centrosinistra e che conta anche sui nomi oggetto di discussioni sui media in questi giorni: sono di altissimo livello ed è interesse di tutti che condividano il nostro percorso».
Continua Carretta: «Bisogna partire dai programmi e dalla valorizzazione di ciò che di buono è stato fatto in questi anni dalla Giunta regionale e una seria riflessione su quanto migliorabile o è stato lasciato indietro: l’esigenza di migliorarci, la necessità di promuovere il ricambio della classe dirigente, l’importanza di non continuare a suonarcele in pubblico sono questioni che sono certo condividiamo tutti».
«La legislatura non è finita, manca un intero anno. Un ultimo chilometro di lavoro per il Piemonte e i piemontesi in cui siamo chiamati a dare il massimo per poterci ripresentare ai cittadini con l’orgoglio delle cose fatte e la credibilità per le proposte che faremo», conclude Mimmo Carretta