Non solo in tv ma anche al 31 Salone Internazionale del Libro di Torino la cucina e gli chef risultano sempre più protagonisti con un approccio che da tempo va ben al di là delle ricette. Incontri con nutrizionisti scienziati, medici, problemi di salute, vita sociale, scuola. Tra apericene e street food. Un dialogo sempre più a tutto campo. In tal senso sono significative le iniziative promosse dal premio di alta cucina Bocuse d’Or Off 2018 anche alla kermesse torinese che dai primi dati sta avviandosi all’ennesimo successo e non solo in termini di pubblico ma qualitativo come evento principe culturale a livello nazionale.

Gli incontri legati al Premio Bocuse , in programma all’Arena Piemonte, basati su uno schietto confronto tra mondo gastronomico e culturale, si avvieranno l’11 maggio con il talk “Piemonte tra le stelle”. Un appuntamento che vedrà protagonisti i prestigiosi chef Matteo Baronetto del Ristorante Del Cambio (Torino), Mariangela Susigan del Ristorante Gardenia (Caluso, To) e Gian Piero Vivalda dell’Antica Corona Reale (Cervere, Cn). Il pubblico certamente apprezzerà la degustazione di raffinatezze della cucina piemontese curata dall’Accademia Bocuse d’Or Italia.

Sabato 12 maggio alle ore 14 è in programma un viaggio tra salute e gusto dal titolo “La felicità ha il sapore della salute”. Promosso da Bocuse d’Or Europe OFF 2018 e Slow Food Editore l’incontro vedrà dialogare lo chef stellato Vittorio Fusari con il medico scienziato, esperto di nutrizione e longevità, Luigi Fontana. I due hanno scritto a quattro mani “il gusto della salute” un volume in cui si spiega come non rinunciare a i piaceri della tavola vagliando sui delicati rapporti tra cibo e salute.

Molto accattivante è sicuramente “L’apericena non esiste. Magri e in salute tra aperitivi e cene fuori casa”:

L’Incontro, in programma il 13 maggio alle 14, condotto dalla giornalista Alessandra Comazzi, vedrà il MasterChef d’Italia medico nutrizionista e ora scrittore Federico Francesco Ferrero, MasterChef d’Italia, confrontarsi con la psicanalista Alessandra Ramassotto su come restare in forma tra apericene e cibo fuori casa. Un fenomeno sempre più di massa.

Al Salone si affronterà anche l’annoso problema del difficile rapporto tra bambini e verdure e su come contrastare i fenomeni di obesità diffusi tra bambini e ragazzi sempre più sedentari tra videogiochi e dolciumi ipercalorici. Per parlare di alimentazione sana si è pensato a come attrarre la loro attenzione vivendo la magia della nascita di un germoglio in un vaso o in un orto a scuola. Per questo si svilupperà una coinvolgente staffetta di scrittura creativa promossa da Bimed, la Biennale delle arti e delle scienze del Mediterraneo. Un format, giunto quest’anno alla XIV edizione, realizzato per creare una cultura condivisa oltre ogni confine, che unisce scuola, insegnanti, bambini e genitori.