A 78 anni dalla dichiarazione di guerra alla Francia, da quella vergognosa pugnalata alla schiena inflitta da Mussolini agli stessi che nel 1914 gli avevano dato i soldi per fare l’interventista, i cugini d’Oltralpe si sono ricordati dell’offesa e ci hanno invaso.

È accaduto a Bardonecchia con un blitz della Gendarmeria nei locali della Ong Rainbow4africa. Per la verità le divise francesi avevano già calcato il nostro suolo nel 1944, ma militarmente erano al seguito delle armate britanniche e statunitensi ed erano truppe coloniali della Francia d’Oltremare, i famosi goumiers cui il loro comandante, il generale Juin, lasciò mano libera per vendicare la pugnalata del 10 giugno 1940, come raccontò mirabilmente Alberto Moravia nel romanzo “La ciociara”.

Stavolta, invece, il D-day ha visto impegnati soltanto gendarmi doc, francesi bianchi all’attacco di migranti neri. Macron ha così potuto tirare un sospiro di sollievo: gli sono stati almeno evitati rigurgiti di coscienza a pelle.