Il mercato delle automobili usate continua ad essere uno dei trend dominanti all’interno del settore automotive.

Anche nei casi in cui il mercato delle vendite di vetture nuove va incontro a flessioni più o meno lievi, i veicoli di seconda mano mantengono quasi sempre inalterati i volumi di vendita, contribuendo ad arginare e limitare i momenti di flessione generale.

Emergono interessanti dati relativamente a chi decide di optare per  l’acquisto di una vettura usata.

Come dimostra lo studio di motor1, ad esempio, l’auto di seconda mano domina in quelle che sono le prime vetture possedute dagli automobilisti, ben il 65,8% dei casi.

Questo anche perché la macchina usata consente un risparmio notevole sul costo d’acquisto.

Nella maggior parte dei casi, la prima automobile è regalata dai propri genitori, questo nel 41% dei casi.

Anche chi la deve acquistare con i propri risparmi, fa attenzione al prezzo, e ciò avviene per il 34% delle volte.

Relativamente ai modelli più acquistati, sulla falsariga del nuovo, una delle automobili che riscuotono maggior successo nel nostro Paese è la Fiat Panda.

Parliamo, non a caso, della citycar per eccellenza. Le dimensioni ridotte, unite a consumi moderati e ad un’affidabilità nel tempo invidiabile, la rendono estremamente adatta a diversi utilizzi.

Ciò, ne ha fatto nel tempo la vettura adatta a quasi tutti gli automobilisti.

Dal punto di vista dell’usato, inoltre, il risparmio considerevole non preclude alcuna resa, anche grazie ai motori della casa italiana in grado di percorrere centinaia di migliaia di chilometri senza dare alcun problema.

Per chi stesse valutando l’acquisto di una Fiat Panda usata, opportunità interessanti sopraggiungono anche e soprattutto dall’online, dove player come brumbrum consentono di acquistare ottimi veicoli a prezzi competitivi.

Tornando alle caratteristiche del mercato dell’usato, emergono altri numeri degni di attenzione.

Ad esempio, gli uomini comprano la prima auto prima delle donne, precisamente almeno un anno prima.

Va inoltre osservato, come gli uomini siano anche quelli che cambiano prima la propria vettura.

Dopo circa 6 anni infatti decidono di passare ad un altro veicolo, mentre le donne aspettano almeno un anno e mezzo in più.

Ultimo dato su cui vale la pena soffermarsi, è il cambiamento avvenuto tra le diverse generazioni.

Chi è nato intorno agli anni sessanta è entrato in possesso della prima macchina verso i 23 anni, mentre al giorno d’oggi la prima vettura di proprietà si ha molto prima: in media intorno ai 19 anni.