Mauro Laus

Autore

Nato a Lavello, in Basilicata, il 7 agosto 1966. Dopo il diploma si trasferisce a Torino per iscriversi alla facoltà di Giurisprudenza. Nel 1990, a soli 24 anni, da studente fuori sede, diventa presidente di una piccola cooperativa di servizi, che crescerà sotto la sua presidenza e che lascerà definitivamente nel 2014 per dedicarsi all’attività politica. Nel 2005 viene eletto in Consiglio regionale del Piemonte, nelle file della Margherita. Nel 2006 per primo in Regione chiede la costituzione del gruppo unico tra Ds e Margherita: è quella la partenza del dibattito per la costruzione del Partito democratico. Nel 2007 viene nominato segretario della Margherita per la città di Torino, l’anno dopo è vice segretario del Pd sempre nel capoluogo subalpino. Nel 2010 si ricandida come consigliere regionale in Piemonte e viene eletto. In Regione è vicepresidente della commissione Cultura. Nelle elezioni del 2014 viene rieletto. Il 30 giugno diventa presidente del Consiglio regionale. Nel 2018 viene eletto senatore della Repubblica.
Senza un salario minimo, il reddito di cittadinanza creerà ingiustizie nel mercato del lavoro

Il Senato ha finalmente calendarizzato le audizioni per Reddito cittadinanza e Salario minimo. Il rischio però è che nell’agenda politica della maggioranza venga data precedenza al Reddito di Cittadinanza. I due provvedimenti invece dovrebbero essere per lo meno contemporanei, per non creare situazioni paradossali e aumentare disuguaglianza e contraddizioni lavorative e sociali. Mettere in atto […]

/ di Mauro Laus
L’esercito dei Pappagalli

Che i parlamentari grillini non siano affatto stimati dai loro stessi vertici è ormai assodato e lo dimostra il fatto che esista un “prontuario pappagallo” redatto dai vertici della comunicazione in accordo con le massime cariche del Movimento Cinque Stelle. Una guida pratica in cui si danno esplicite direttive su risposte preconfezionate da dare a comando […]

/ di Mauro Laus
Tav ostaggio della base grillina

Un tassello in più si aggiunge oggi alla questione Tav, grazie alle parole di Stefano Patuanelli, capogruppo Movimento Cinque Stelle in Senato, che dichiara agli organi di stampa: «Un sì alla Tav ci metterebbe in difficoltà perché la base non capirebbe. Ci sarebbe un problema di tenuta interna, se arrivasse all’improvviso un parere favorevole senza […]

/ di Mauro Laus
Tav, i referendum si fanno prima delle opere

Finchè il Parlamento esiste, usiamolo. Lunedì depositerò, come primo firmatario, una mozione che impegna il Governo a procedere, in tempi brevi, alla prosecuzione dei lavori della linea ferroviaria Torino – Lione sbloccando gli appalti in capo a TELT. Sono migliaia i cittadini piemontesi, amministratori, sindaci, esponenti politici di tutta Italia che chiedono il completamento e […]

/ di Mauro Laus
Carige e la doppia morale a Cinque Stelle

Incredibile a quanti cambiamenti stiamo assistendo. Tutto ciò contro cui inveivano i Cinque Stelle quando stavano all’opposizione sembra oggi essere magicamente scomparso o, in alcuni casi, perfettamente in sintonia con l’azione di governo (vedi questione Trivelle, Terzo Valico, condoni, Tap, Ilva, decreti salva banche). I pentastellati hanno costruito un’accanita e spietata campagna elettorale piena di […]

/ di Mauro Laus
Casellati assolva il suo ruolo istituzionale oppure si dimetta

Trovo bizzarro che la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati parli di rischio anarchia se non si rispettano forme e luoghi istituzionali appropriati in cui contestare le norme e poi però, nella pratica, resti impassibile e tollerante verso i metodi anti convenzionali con cui il governo Lega-Cinque Stelle veicola, fuori dalle sedi istituzionali, bozze […]

/ di Mauro Laus