Gabriele Richetti

Collaboratore

Nato a Torino nel 1988, è laureato in Giurisprudenza. Storico e letterato per passione (oltre che calciofilo a 360°), si accorge ben presto di essere, nei labirinti delle toghe e dei codici, come "un vaso di terra cotta, costretto a viaggiar in compagnia di molti vasi di ferro". Abbandona così il Diritto, trovando rifugio nella scrittura, nelle camminate in montagna e nel cioccolato. Approda a "Nuova Società" nel gennaio 2018.
Il volo della Bell’Alda

Alzando gli occhi verso la Sacra di San Michele, che da secoli domina l’imbocco della Val Susa, adagiata maestosa sul monte Pirchiriano, quasi immediatamente la nostra attenzione è catturata dai ruderi di una Torre. Questa Torre si affaccia sulla valle sottostante: una sorta di Torre di Pisa, pendente sullo strapiombo. È la Torre della Bell’Alda, dal […]

/ di Gabriele Richetti
Il miracolo del Corpus Domini

Torino, 6 giugno 1453. In città si celebra la festività del Corpus Domini. I cittadini ancora non sanno che stanno per assistere ad uno dei miracoli più importanti che la Storia ricordi, proprio lì, tra le vie di quello che oggi è il centro storico del capoluogo piemontese. Tutto comincia il Val di Susa qualche […]

/ di Gabriele Richetti
La Grande Guerra raccontata dagli ex voto piemontesi

Nei secoli precedenti al ‘900, soprattutto nelle zone rurali, la guerra ha da sempre rappresentato un evento pressoché inevitabile. Un accidente al quale non poter sfuggire. Il soldato non di carriera faceva il proprio dovere senza protestare, come se si trattasse di un servizio dovuto, quasi una attività quotidiana rientrante nella normalità. Un grande inconveniente, […]

/ di Gabriele Richetti
Il pastore Gelindo

Nei giorni che precedevano il Natale, nei secoli passati, in Piemonte come nel resto d’Italia, erano molte le rappresentazioni sacre aventi ad oggetto il Presepe e la Natività. Come nella migliore tradizione partenopea, anche il Piemonte aveva un personaggio che, per antonomasia, era associato all’avvento del Natale, tanto da essere l’ispirazione per diversi modi di dire: si tratta […]

/ di Gabriele Richetti
Eugenia Barruero, la “maestrina dalla penna rossa” di Cuore

A Torino, nel quartiere Vanchiglia, c’è una piazzetta. È una piazzetta che sonnecchia placida, nascosta tra corso Regina Margherita e corso San Maurizio, lontana dal traffico che scorre poco più in là, con una invidiabile tranquillità bohémien. Si tratta di Largo Montebello. Al civico 38, in un bel palazzo dal sapore antico che si affaccia […]

/ di Gabriele Richetti
La leggenda del Dahu

A chi è solito frequentare, nelle fredde notti invernali, i caldi ripari offerti dai rifugi alpini, sarà sicuramente capitato di imbattersi in un racconto molto particolare. Nelle nostre valli, infatti, è presente da secoli una tradizione orale dedicata ad un leggendario animale, che popolerebbe i pendii e le creste più impervie delle Alpi. Si tratta […]

/ di Gabriele Richetti
Piazza San Carlo e uno dei suoi più celebri amori clandestini

Torino vanta, nel corso della sua millenaria storia, decine di amori romanzeschi, passionali, alcuni addirittura al limite della legalità e spesso sfociati in pene più o meno severe. La relazione di cui leggerete tra poco non può essere definita illegale in senso stretto. Tuttavia, coinvolse le persone sbagliate nel momento sbagliato, lasciando dietro di sé […]

/ di Gabriele Richetti
FERT: il motto dei Savoia ancora oggi senza una spiegazione

Oggi la curiosità ci spinge fino al basso Medioevo, precisamente nella seconda metà del 1300, quando Amedeo VI di Savoia creò quello che sarebbe stato il motto della casata reale piemontese da quel momento in poi. Un motto – un acronimo, per la precisione – di cui non lasciò spiegazione alcuna, e che ancora oggi […]

/ di Gabriele Richetti
Carica più articoli +