Gabriele Richetti

Collaboratore

Nato a Torino nel 1988, è laureato in Giurisprudenza. Storico e letterato per passione (oltre che calciofilo a 360°), si accorge ben presto di essere, nei labirinti delle toghe e dei codici, come "un vaso di terra cotta, costretto a viaggiar in compagnia di molti vasi di ferro". Abbandona così il Diritto, trovando rifugio nella scrittura, nelle camminate in montagna e nel cioccolato. Approda a "Nuova Società" nel gennaio 2018.
Torino: la capitale italiana della birra

Alle origini del luppolo italiano Nata, a differenza di oggi, come bevanda raffinata e per pochi eletti, la birra consumata in Italia fino alla metà del XIX secolo era esclusivamente di importazione: Paesi come la Francia, la Germania e l’Inghilterra vantavano in quell’epoca una tradizione birraria sconosciuta nel nostro paese. Tuttavia, a partire dalla metà […]

/ di Gabriele Richetti
La festa di Ognissanti nel torinese

In viaggio verso le campagne Torino è oggi una città metropolitana, una città che ha perso con il passare degli anni molte delle tradizioni che da sempre accompagnavano la sua storia. Basta però uscire dalla città di qualche chilometro per immergersi in una realtà atavica, ancora imbevuta di cultura rurale e di una spiritualità sincera, […]

/ di Gabriele Richetti
A spasso per San Mauro: tre ritratti

Appena fuori Torino, adagiato sulla prima cintura di colline oltre la riva destra del Po, sorge un piccolo comune dalle antiche origini: San Mauro Torinese. San Mauro racconta – attraverso le sue strade e i suoi edifici – una storia locale che si perde nei secoli, fatta di continue evoluzioni sociali e di figure intrise […]

/ di Gabriele Richetti
Il cuore scomparso del principe Eugenio di Savoia

Partiamo dalla fine Nei secoli scorsi, nelle casate reali e nobiliari era molto diffusa l’usanza di asportare il cuore prima di dare sepoltura al defunto. Un po’ per superstizione, un po’ per avere una reliquia tangibile e un po’ per accertarsi che il soggetto fosse davvero morto. Questo è quanto accaduto anche al cuore del […]

/ di Gabriele Richetti
Quando lo zar Nicola II soggiornò a Racconigi

L’autunno del 1909 In un autunno come tanti altri, Racconigi, il Piemonte e l’Italia intera si apprestavano ad ospitare uno dei più grandi sovrani dell’epoca e della Storia. In quell’ottobre 1909, che colorava le colline piemontesi come aveva fatto nelle stagioni precedenti e come avrebbe fatto, con la stessa bellezza, in quelle successive, lo zar […]

/ di Gabriele Richetti
In Piazza Statuto davanti al monumento del Traforo del Fréjus

Il giorno dell’inaugurazione È il 26 ottobre 1879: c’è una grande folla in Piazza Statuto a Torino, dove sta per essere inaugurato uno strano monumento. È presente persino il re Umberto I. L’idea è stata del Presidente dell’Accademia Albertina di Belle Arti, il conte Marcello Panissera di Veglio, per celebrare con la dovuta importanza il neonato […]

/ di Gabriele Richetti
Il caso Allemandi, ovvero la Calciopoli del 1927

La vicenda, piuttosto ingarbugliata a dire il vero, che nel 1927 coinvolse il terzino sinistro della Juventus Luigi Allemandi, può essere senza dubbio definita come il primo vero scandalo calcistico italiano. Chi era Luigi Allemandi Classe 1903 di San Damiano Macra, in provincia di Cuneo, Luigi Allemandi si mette in luce nei primi anni ’20 […]

/ di Gabriele Richetti
Una delle migliori invenzioni torinesi di sempre: il grissino

I bambini, è risaputo, spesso hanno tribolate digestioni. Se poi pensiamo alla dieta dei fanciulli nel XVII secolo, è facile intuire come questo problema non possa che risultarne aggravato. Per una volta, tuttavia, dai capricci digestivi di un bimbo (non un bimbo qualsiasi, sia chiaro) prende vita una delle migliori creazioni culinarie di sempre: il […]

/ di Gabriele Richetti