Gabriele Richetti

Collaboratore

Nato a Torino nel 1988, è laureato in Giurisprudenza. Storico e letterato per passione (oltre che calciofilo a 360°), si accorge ben presto di essere, nei labirinti delle toghe e dei codici, come "un vaso di terra cotta, costretto a viaggiar in compagnia di molti vasi di ferro". Abbandona così il Diritto, trovando rifugio nella scrittura, nelle camminate in montagna e nel cioccolato. Approda a "Nuova Società" nel gennaio 2018.
Il caso Allemandi, ovvero la Calciopoli del 1927

La vicenda, piuttosto ingarbugliata a dire il vero, che nel 1927 coinvolse il terzino sinistro della Juventus Luigi Allemandi, può essere senza dubbio definita come il primo vero scandalo calcistico italiano. Chi era Luigi Allemandi Classe 1903 di San Damiano Macra, in provincia di Cuneo, Luigi Allemandi si mette in luce nei primi anni ’20 […]

/ di Gabriele Richetti
Una delle migliori invenzioni torinesi di sempre: il grissino

I bambini, è risaputo, spesso hanno tribolate digestioni. Se poi pensiamo alla dieta dei fanciulli nel XVII secolo, è facile intuire come questo problema non possa che risultarne aggravato. Per una volta, tuttavia, dai capricci digestivi di un bimbo (non un bimbo qualsiasi, sia chiaro) prende vita una delle migliori creazioni culinarie di sempre: il […]

/ di Gabriele Richetti
“Aj sun le masche!”: storia delle streghe piemontesi

Ogni tradizione popolare che si rispetti ha le sue credenze magiche, che hanno come protagonisti streghe e stregoni più o meno malvagi. Anche il folklore piemontese conosce, negli ambienti rurali e montanari, alcune tra le figure più importanti e meglio delineate dell’intero panorama nazionale in materia soprannaturale: si tratta delle Masche. Origine del nome Il […]

/ di Gabriele Richetti
Il tempo in cui il Diavolo costruiva i ponti

Molto tempo fa, per le strade del Piemonte come per quelle di tutta l’Italia, era frequente dover aggirare vasti territori (spesso abitati da genti ostili) per poter finalmente raggiungere la propria meta. Come fare, dunque per abbreviare i tempi di percorrenza e allo stesso modo rendere più sicuri i transiti di viandanti e pellegrini? La […]

/ di Gabriele Richetti
Torino, 1630: i giorni della peste

Tra il 1629 e il 1633 l’Italia settentrionale fu interessata da una delle più gravi epidemie della storia: si tratta della famosa pestilenza di manzoniana memoria, che sconquassò le grandi città del nord Italia, arrivando a lambire i territori toscani. In queste zone, la peste uccise circa 1 milione e centomila persone, praticamente il 25% […]

/ di Gabriele Richetti
Il sacrario del Martinetto

All’angolo tra corso Svizzera e corso Appio Claudio, il passante può imbattersi in quello che facilmente scambierà, ad una prima occhiata, per un giardino. Un praticello verde riparato da alberi che paiono proteggerlo dal traffico che scorre poco distante, all’ombra di un muro di mattoni rossi a punta a cui manca il tetto, come una […]

/ di Gabriele Richetti
Quando in via Garibaldi scorreva la doira

Decumanus Maximus, via Dora Grossa, via Garibaldi. Tre nomi diversi per la stessa porzione di città, arteria fondamentale di Torino evolutasi nel tempo al pari di molte altre storiche vie. Del resto, si può tranquillamente dire che Torino sia nata in Via Garibaldi. Un po’ di storia L’antica via costituiva il Decumano dell’allora Julia Augusta […]

/ di Gabriele Richetti
La pioggia di bombe del 13 luglio 1943

Almeno 250 velivoli incursori. Decine di migliaia di mezzi incendiari e più di 400 bombe sganciate, per un totale di 760 tonnellate; 914 feriti e 792 morti. Un’ora e dieci la durata dei bombardamenti, dall’1.35 alle 2.45 di notte. Questo è il bilancio della notte del 13 luglio 1943, il bombardamento più feroce mai subito […]

/ di Gabriele Richetti