Scoppia il caso Giusta in commissione Bilancio in Comune a Torino. L’assessore alle Pari Opportunità, Marco Giusta, si è presentato al tavolo questa mattina dichiarando, a verbale, candidamente di non saper nulla di tagli al Bilancio. Anzi, ha aggiunto, di non esserne stato informato.

Inoltre si dice rammaricato dei tagli. Un pò di confusione, non c’è dubbio, che ha lasciato a bocca aperta anche altri esponenti della giunta Appendino presenti alla Commissione e i consiglieri comunali, compresi i pentastellati.

Tra questi la Dem Chiara Foglietta, la quale ha chiesto a Giusta come minimo d’informarsi prima con quelli della sua amministrazione, anche perché è surreale che un assessore non sappia dei provvedimenti presi dalla sua maggioranza. Poi, ha rimarcato la consigliere Pd: «È inaccettabile che venga in commissione a fare il “piangina”».

“Tagli e sconcerto: sono due le cose inaccettabili – spiega Foglietta –  in Commissione Pari Opportunità abbiamo parlato del bilancio previsionale. Giusta che conosceva i dati, non sapeva dei tagli e a verbale si è pure dichiarato “sconcertato” perché hanno tagliato suoi capitoli di bilancio, quelli relativi a giovani, pari opportunità, città universitaria“.

Continua Foglietta: “Mi chiedo, ma la giunta non dovrebbe essere quel posto dove decidere insieme e battere i pugni per difendere i progetti relativi alle proprie deleghe? Giusta è solo uno spettatore in quella sede? Quella sconcertata sono io, per non dire altro”.