Sarebbero circa 120 gli ultras della Juventus fermati prima della partita di andata dei quarti di finale di Champions League tra Ajax e i bianconeri, ad Amsterdam.

Secondo fonti olandesi il gruppo sarebbe stato trovato in possesso di fuochi d’artificio, manganelli, spray al peperoncino e coltelli, nelle vicinanze della “Johan Cruijff Arena”.

I tifosi della Juventus sono stati arrestati e trasferiti in autobus in un centro di detenzione. Nei pressi dello stadi ci sono stati dei disordini e la polizia è intervenuta utilizzando gli idranti. Tra tifosi dell’Ajax e la polizia lo scontro è stato duro, con cariche e lancio di bombe carta. Ad Amsterdam è presente anche personale della Digos della Questura di Torino.

Anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha parlato attraverso una diretta Facebook di quanto accaduto in Olanda, confermando il fermo degli ultras juventini. «Avevano oggetti non appropriati per andare allo stadio», ha detto Salvini.

Da segnalare che gli ultras della Juve sono da tempo gemellati con quelli del Den Haag, storici avversari dell’Ajax.