Ah Torino, la piccola Parigi! Avrà pensato questo il Magnifico Rettore dell’Università di Torino che ha deciso di far sventolare la bandiera francese fuori dalla finestra del rettorato. Un gesto che a parti inverse i francesi non avrebbero fatto nemmeno sotto tortura, visto il loro nazionalismo e l’antipatia che hanno spesso esternato nei confronti degli italiani.

Gianmaria Ajani rivendica l’azione (copiata dal sindaco di Cuneo, Federico Borgna) : «Vorrei vederne mille alle finestre. La collaborazione dell’ateneo con le università transalpine è da tempo consolidata – aggiunge – inoltre il capoluogo piemontese è storicamente francofilo. Torino ha bisogno di una connessione con la Francia sia culturale sia logistica». 

Dunque il rettore praticamente si schiera non solo a favore della Torino-Lione, la linea ferroviaria Tav, ma prende posizione sul caso diplomatico scoppiato in questi giorni tra il governo di Macron e quello italiano targato Cinque Stelle-Lega.

E poi non è un mistero che Ajani ami la Francia: spesso e volentieri proprio in Provenza passa le sue vacanze a coltivar orti.