La Savio, azienda che progetta, produce e commercializza componenti per serramenti (maniglie, cerniere. maniglioni antipanico) con sede e stabilimento a Chiusa San Michele, ha aperto la procedura per la riduzione di personale, con il licenziamento di 82 dipendenti (in tutto sono 304). Giovedì, alle 15, i lavoratori faranno un presidio davanti all’Unione industriale in occasione del primo incontro relativo alla procedura.

«Respingiamo i licenziamenti e chiediamo all’azienda di utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione, dai contratti di solidarietà alla cassa integrazione, per evitare le riduzione di personale, perché dietro ai numeri ci sono le persone», dichiara Marinella Baltera, responsabile della Savio per la Fiom-Cgil torinese.